Torre Flavia

Torre Flavia è un monumento di epoca romana più volte restaurato nel medioevo. Nel XVI secolo fu ricostruita dal cardinale Flavio Orsini dal quale prende il nome. Oggi è parte del territorio comunale di Ladispoli.

La torre presenta una base bassa e delineata da una cordonatura in calcare. Nei piani superiori vi era una scala in muratura che collegava i due piani i quali erano illuminati da piccole finestre rivestite di travertino. L’accesso alla torre si trovava al primo piano grazie l’ausilio di rampe di scale e solo in seguito si aprì una porta d’ingresso nella scarpa, in asse con quella originaria.

Monumento naturale

Il territorio del Monumento Naturale Palude di Torre Flavia (48 ha) è una zona umida di grande importanza per la tutela dell’avifauna migratoria e per la conservazione di una delle rare tracce di quello che un tempo fu l’ambiente costiero laziale, con dune sabbiose e un ampio sistema di laghi, stagni costieri e acquitrini, grandi foreste di pianura e ricchezza faunistica.

Spiaggia

Una larga striscia di sabbia fine, sia libera che attrezzata, rende l’area di Torre Flavia un luogo ideale per godersi il mare.

 

La Gismonda

Torre Flavia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi