Oriolo Romano

Oriolo Romano è un piccolo paese della Tuscia meridionale, situato a circa 400 m s.l.m., sui rilievi dei monti Sabatini.

Palazzo Altieri

La principale attrazione presente è il Palazzo Santa Croce (poi Altieri), edificato negli anni 1578-1585. Si tratta di un tipico palazzo-villa, che sviluppa in senso manieristico lo schema cinquecentesco di edificio a corpo centrale con loggiato tra corpi laterizi elevati in forma di torre. La tradizione attribuisce la paternità del palazzo così come l’intero quadro urbanistico, a Jacopo Barozzi detto il Vignola; cosa che risulta impossibile per la morte dello stesso nel 1573. Il palazzo raggiunse l’attuale configurazione nei secoli XVII-XVIII ad opera degli Altieri sotto la direzione di Carlo Fontana. Ai corpi esterni vennero aggiunte le due ali di direzione nord, così da creare un ampio cortile. Fu elevata in posizione asimmetrica, la torretta con l’orologio, abbellito l’ingresso con il ponte in pietra basaltica a rifatta la bella fontana al centro della piazza antistante il palazzo. L’interno è articolato in ampi e ben distribuiti ambienti, decorati con stucchi, affreschi  e pitture di buona fattura, alcune attribuite alla scuola di Taddeo Zuccari. L’arredo del palazzo è in gran parte disperso; ciò che attualmente resta è originale del 600. In varie sale contigue di un lungo braccio rettilineo del palazzo, così da formare una suggestiva fuga prospettica di oltre 65 metri, è raccolta una collezione di quadri, dipinti a olio su tele, raffigurante in ordine cronologico tutti i Papi che si sono succeduti nella storia da San Pietro a Giovanni Paolo II.

Faggeta

Adiacente al paese è la Faggeta di Oriolo Romano, bosco di faggio facente parte del Parco naturale regionale del complesso lacuale di Bracciano – Martignano che ha la peculiarità di crescere a soli 450 metri di altezza invece dei soliti 700. Naturalisticamente parlando è il sito più prezioso del paese e della provincia di Viterbo.

Parco della Mola

Più defilato è il Parco della Mola, una splendida area naturalistica in cui è presente una vasca termale di acqua tiepida e gorgogliante. Nei pressi si trova anche una piccola solfatara. Sono presenti anche un edificio restaurato che un tempo era un mulino e un grazioso laghetto le cui acque azionavano la ruota idraulica della vecchia mola.

La Gismonda

Palazzo Altieri

Mola di Oriolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi